"
Le cose sono come sono perché sono andate così

D'Arcy Wentworth Thompson
"

\\ Home : Storico : Choice: my voice in mp3 (inverti l'ordine)
Di seguito gli interventi pubblicati in questa sezione, in ordine cronologico.

Di Fabrizia (del 13/05/2006 @ 17:44:40, in Choice: my voice in mp3, linkato 8172 volte)
Synchronic locusts

The locusts were chanting so loud that their overtones were rising up from the ground like fireworks.
From the sounds that were produced, one could almost visualize the colors, iridiated and vaporous like under big rainbowed cupolas.


One day, at sunset, on the edge of a green hill bending over a lake, they had graciously offered me this fantastic, glowing drone, and I had been improvising on it for a while.

Those locusts come out all together only once every seventeen years. Next time will be in 2021.



Sincroniche locuste

Le locuste cantavano così forte che le armoniche salivano dalla terra come tanti fuochi d'artificio.
Dei
suoni prodotti si potevano quasi vedere i colori, iridati e vaporosi come sotto grandi cupole di arcobaleni.

Un giorno, all'imbrunire, sul bordo di una verde collina affacciata su un lago, mi avevano graziosamente porto questo fantastico e scintillante bordone, e io ci avevo improvvisato per un po’.

Quelle locuste escono tutte insieme solo una volta ogni diciassette anni. La prossima volta sarà nel 2021.

 
Di Fabrizia (del 12/05/2006 @ 00:02:00, in Choice: my voice in mp3, linkato 6753 volte)
You don't know what love is. Quando ci siamo incontrati la prima volta io e Mark per arrangiare i pezzi, abbiamo navigato abbondantemente in Music Store per scaricare ed ascoltare il maggior numero di versioni possibile, per non creare inutili doppioni.

Mark ha poi imbracciato la sua chitarra, ed ha incominciato a suonarmi questo tala indiano in 7 quarti, come fosse una tampura e dovesse accompagnare un mantra. Io, naturalmente, ho incominciato a improvvisarci su usando un raga tipico, strana scala con la 9a minore, la 3a maggiore, la 6a minore, la 7a maggiore...

...Nel canto dei raga indù si lavora dentro di sé, e non fuori, cercando di far vibrare, mettendoli in moto, i propri chakra, gli organi interni, e gli stati di coscienza corrispondenti. Una contemplazione del suono, insomma.

E' nello stesso periodo, mentre preparavo l'interpretazione del brano, che mi ritrovai una sera al tramonto su una collina del verde Tennessee, a cantare insieme con migliaia di cicale, in pace col mondo e in armonia con l'universo. Questo fatto l'ho raccontato poi nell'introduzione di Summertime, penultimo brano del disco...

Quando abbiamo registrato con Ira Sullivan, lui ha avuta l'idea geniale di usare i flauti, in particolare il flauto contralto, che ha una voce così sublime e misteriosa, che è rarissimo ascoltare. In più, Ira usa gli armonici per intrecciarsi con me che avevo preso ad emetterli durante la mia improvvisazione iniziale.

Alla fine del brano abbiamo lentamente aperto gli occhi e tirato su il viso per guardarci tutti. L'atmosfera era stata veramente magica, e così intensa! Al di qua del vetro di regia, dove io stavo registrando la voce per tenerla isolata dagli strumenti, in quel momento io ed il mio sound engineer Allen Smith ci siamo ritrovati chini, a mani giunte, in preghiera, con Ira che ci guardava sorridente e placido, felice di essere stato capito, sereno nell'averci interiorizzati tutti in quel suo sottile e riservato ricamo.

Questo brano è in sestetto: Mark Boling, Rusty Holloway, Keith Brown, Ira Sullivan ed io, con Carlos Fernandez alle percussioni.
 
Di Fabrizia (del 11/05/2006 @ 00:01:00, in Choice: my voice in mp3, linkato 5217 volte)
Tutti conoscono lo standard jazz Autumn Leaves, ma pochi sanno che in realtà Les Feuilles Mortes è una poesia di Jacques Prévert musicata da Joseph Kosma...

Con il chitarrista Mark Boling abbiamo pensato di utilizzare il tema per costruire un'introduzione armonizzata a tempo rubato, al posto dell'introduzione originale, che invece abbiamo usato come coda per chiudere il brano, riprendendo l'andamento rubato dell'inizio.

Mark è letteralmente impazzito a riarmonizzare l'intro, perché io non canto mai le stesse note e lui è abituato ad accompagnare cantanti più "fermi". Alla fine però si è divertito a seguirmi nelle mie evoluzioni in studio, specie nei momenti in cui descrivo vocalmente le onde del mare in cui si perdono i passi degli amanti...

Mi piace molto la serenità con cui mi accompagnano Mark, Rusty e Keith. Mentre cantavo sentivo molto rispetto e profondo ascolta da parte del trio. Il risultato a mio avviso è molto "live", con una bella energia crescente e reale, come se invece di essere in studio con le cuffie e separati da un vetro, fossimo stati registrati durante un concerto.
 
Di Fabrizia (del 11/05/2006 @ 00:01:00, in Choice: my voice in mp3, linkato 2002 volte)
From Pithecanthropus e Altre Storie, with the Andrea Avena Group (1990):

Clima preistorico - Pithecanthropus Erectus (Charles Mingus, arrangement by Andrea Avena)
Philippe Noiret (
French lyrics by Fabrizia Barresi - Music by Andrea Avena)
Tonnerre du diable (Fabio Tullio)

From Estrela da Tarde, suite by Andrea Avena based on poems written by different poets from South America, with the M.J. Urkestra conducted by Roberto Spadoni (1998):

Antologia (Manuel Bandeira)
O ultimo poema (Manuel Bandeira)
La poesia (Pablo Neruda)
Quiero tus manos en mis ojos (Pablo Neruda)
Los Dictatores
(Pablo Neruda) - Libertango (Astor Piazzolla), French lyrics by Fabrizia Barresi and arrangement by Andrea Avena.


 
Di Fabrizia (del 10/05/2006 @ 12:21:54, in Choice: my voice in mp3, linkato 944 volte)
Amazing Grace, che mi ha fatto attraversare l'oceano e tornare a casa con un tesoro musicale immenso...

Ecco, questa doveva essere una ghost track, una traccia non prevista e aggiunta in fondo a tutte; un omaggio semplice e poco appariscente, volutamente scarno; la voce nuda, il puro suono dell'humming, il mio confondermi con i due tenori nel far loro da supporto... Avevo scelto per questo la tonalità di La bemolle, per me molto scura (così da permettermi un suono molto sgranato e più strumentale, molto pieno di fiato e subarmoniche) pur rimanendo morbida.

Invece poi Patty Coker ha decretato che doveva essere messa in luce, e non nascosta, e ne ha parlato nelle sue note di copertina. Ciò che per me era canto intimo dell'umile gioia, per lei era divenuto il brano simbolo di tutto il nostro lavoro.

Per me che avevo chiesto a Jerry Coker ed Ira Sullivan di seguirmi in questa piccola nuova avventura, era stato il mio ringraziamento alla fine della registrazione del disco, alle 5 del mattino e a 24 ore della mia partenza back to Europe. Dopo mesi di creatività, swing e blues, amicizie profonde, esperienze musicali ed umane indimenticabili, ripartivo verso "casa" con un disco finito, un disco davvero piovuto dal cielo, come tutti i suoi angeli musici.

Mentre cantavo " 't is Grace has brought me safe thus far, and Grace will lead me home...", piangevo coi lacrimoni, e credo che nella registrazione si senta...
 
Pagine: 1

Ci sono 59 persone collegate

< novembre 2018 >
L
M
M
G
V
S
D
   
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
   
             

Cerca per parola chiave
 

Titolo
Choice & Reviews (1)
Choice & Recensioni (1)
Choice credits & liner notes (2)
Choice: my voice in mp3 (5)
Choice: quantum physics research (1)
Choice: Storia di un progetto (9)
Concerti ed Eventi (5)
Conferenze e Seminari (4)
Corso di Specializzazione a Siena Jazz (1)
Seminars and Biography (5)
Vocal Coaching/Lezioni di Canto (5)
WorldBook&CopyrightDay (2)
Zone Francophone (4)

Catalogati per mese:
Marzo 2006
Aprile 2006
Maggio 2006
Giugno 2006
Luglio 2006
Agosto 2006
Settembre 2006
Ottobre 2006
Novembre 2006
Dicembre 2006
Gennaio 2007
Febbraio 2007
Marzo 2007
Aprile 2007
Maggio 2007
Giugno 2007
Luglio 2007
Agosto 2007
Settembre 2007
Ottobre 2007
Novembre 2007
Dicembre 2007
Gennaio 2008
Febbraio 2008
Marzo 2008
Aprile 2008
Maggio 2008
Giugno 2008
Luglio 2008
Agosto 2008
Settembre 2008
Ottobre 2008
Novembre 2008
Dicembre 2008
Gennaio 2009
Febbraio 2009
Marzo 2009
Aprile 2009
Maggio 2009
Giugno 2009
Luglio 2009
Agosto 2009
Settembre 2009
Ottobre 2009
Novembre 2009
Dicembre 2009
Gennaio 2010
Febbraio 2010
Marzo 2010
Aprile 2010
Maggio 2010
Giugno 2010
Luglio 2010
Agosto 2010
Settembre 2010
Ottobre 2010
Novembre 2010
Dicembre 2010
Gennaio 2011
Febbraio 2011
Marzo 2011
Aprile 2011
Maggio 2011
Giugno 2011
Luglio 2011
Agosto 2011
Settembre 2011
Ottobre 2011
Novembre 2011
Dicembre 2011
Gennaio 2012
Febbraio 2012
Marzo 2012
Aprile 2012
Maggio 2012
Giugno 2012
Luglio 2012
Agosto 2012
Settembre 2012
Ottobre 2012
Novembre 2012
Dicembre 2012
Gennaio 2013
Febbraio 2013
Marzo 2013
Aprile 2013
Maggio 2013
Giugno 2013
Luglio 2013
Agosto 2013
Settembre 2013
Ottobre 2013
Novembre 2013
Dicembre 2013
Gennaio 2014
Febbraio 2014
Marzo 2014
Aprile 2014
Maggio 2014
Giugno 2014
Luglio 2014
Agosto 2014
Settembre 2014
Ottobre 2014
Novembre 2014
Dicembre 2014
Gennaio 2015
Febbraio 2015
Marzo 2015
Aprile 2015
Maggio 2015
Giugno 2015
Luglio 2015
Agosto 2015
Settembre 2015
Ottobre 2015
Novembre 2015
Dicembre 2015
Gennaio 2016
Febbraio 2016
Marzo 2016
Aprile 2016
Maggio 2016
Giugno 2016
Luglio 2016
Agosto 2016
Settembre 2016
Ottobre 2016
Novembre 2016
Dicembre 2016
Gennaio 2017
Febbraio 2017
Marzo 2017
Aprile 2017
Maggio 2017
Giugno 2017
Luglio 2017
Agosto 2017
Settembre 2017
Ottobre 2017
Novembre 2017
Dicembre 2017
Gennaio 2018
Febbraio 2018
Marzo 2018
Aprile 2018
Maggio 2018
Giugno 2018
Luglio 2018
Agosto 2018
Settembre 2018
Ottobre 2018

Gli interventi più cliccati

Ultimi commenti:
Buy brand avanafil-d...
19/11/2018 @ 10:23:12
Di Anonimo
Keppra tablets no rx...
19/11/2018 @ 10:09:55
Di Anonimo
Keppra-1m generic fe...
19/11/2018 @ 09:56:39
Di Anonimo

Titolo
Presto qui altri VIDEO!
Trovate comunque molti mp3 nella sezione Life in Motion.



Ithaka

My funny Valentine















Rabo De Nube


Someday My Prince Will Come


Stella By Starlight


Send In The Clowns





Free Tibet

passaparola





19/11/2018 @ 10:24:17
script eseguito in 1307 ms