\\ Home : Life in motion : Stampa
Differenze culturali
Di Fabrizia (del 26/09/2005 @ 01:00:00, in Choice: Storia di un progetto, linkato 924 volte)
Resta solo Impressions.

Stasera abbiamo fatto un lavoro assolutamente superlativo Allen ed io. Altri due brani a mio avviso bellissimi, tanto che oramai c'e' l'imbarazzo della scelta.

Allen ha voluto che lo dirigessi come se fossi stata un direttore d'orchestra per i livelli delle varie voci strumentali. Allora immaginate la scena.

E' stato fantastico, in effetti lui riesce a capirmi su tutto quello che voglio, anche se io gli chiedo delle sottigliezze incredibili di suono, di timbro, di volume, di insieme... Forse sono un poco rompipalle. Ma e' il risultato che conta, e il risultato ne vale veramente la pena. E poi abbiamo un feeling della madonna, quindi quasi quasi vorrei che questo missaggio non finisse mai.

Dopo lo so che avro' la solita crisi della fine delle tournee: quell'atroce senso di vuoto che ti prende allo stomaco quando finisci un bello spettacolo, e non sai quando e se lo riprenderai mai...

E lui instancabile (oddio per la verita' stasera aveva gli occhi distrutti, mi sembra), mi dice you are the boss e lascia a me tutte le decisioni, e ritorna su una stessa battuta mille volte, fino a che io non sono pienamente soddisfatta.

Ma vi pare che potevo essere cosi' fortunata? Ma dove lo trovo un altro cosi'? Non solo e' super gentile, e' pure un genio. I'm not kidding. I mean it.

Lui quando ha tempo va a gustarsi sul mio blog il racconto delle nostre avventure. Si fa tradurre automaticamente quello che scrivo su un sito che poi appena ho l'indirizzo vi passo il link (qualcosa come freetranslation.com): il risultato (me lo ha fatto vedere oggi) e' assolutamente esilarante, da non perdere.

Mi ricorda la canzone di Elio e le Storie Tese che canta James Taylor in finto inglese. Ad Allen l'ho detto. Lui, tanto per ridere un po', mi ha fatto sentire un poco di musicaccia locale, country buffo, per cosi' dire. Una canzone, anzi ben due, che parlava di uno che sparava allegramente alla sua donna, e la ammazzava. Ok, ho detto io, comincio a capire qualcosa di questo dannato fottuto paese. Elio parla dei cinque giorni di tristezza, se ben ricordate, cioe' di quanto sia causa di profonda tristezza non poter fare l'amore per via delle mestruazioni (e molte altre immagini pittoresche)...

Qui d'altra parte i fucili si comprano ovunque, anche al supermercato, tipo Wal Mart.

E non si puo' parlare delle mestruazioni senza che ti guardino male.

Anche da noi i tampax si comprano al supermercato. Solo che nel reparto accanto non ti vendono le pallottole per sparare al partner.