\\ Home : Life in motion : Stampa
Ora Solare
Di Fabrizia (del 31/10/2005 @ 00:36:00, in Choice: Storia di un progetto, linkato 801 volte)
Ero già nell letto, a luce spenta, appena rimboccato il piumone, tutta avvolta nell'azzurro della notte, e quasi quasi già sognavo.

Salto creativo fuori dal letto: m'è venuta un'idea. Un'altra?!? Un'altra.

Ho finalmente scritto i ringraziamenti del disco, che non riuscivo a sputare fuori dalla penna, anzi dalla tastiera del mio Mac. Ho impaginato i testi, dato una forma alla copertina in sei pagine e disco inserito all'interno su supporto trasparente che abbiamo scelto col grafico. Domattina rileggo, e mando il tutto via e-mail a Bob.

Odio quelle copertine che ci trovi dentro il libretto, e ti si rovina subito, o lo perdi, o non lo leggi mai, soprattutto le pagine interne, irraggiungibili.

Odio quelle copertine con l'astuccio in plastica che si rompe subito appena cade la prima volta (oh, no, il mio disco nuovo!!!!), o si spacca perché hai portato il cd in borsa contro le chiavi di casa, o insomma acc porc mis malediz (damn fuckin' shit, per gli anglofili) non riesci né a tirare fuori né a tirare dentro la maledetta copertina di carta leggera, che in due volte è già da buttare.

Così ho scelto la confezione che io amo di più: una cosa intera che si apre tutta in tre parti (totale appunto 6 facciate), così non hai scuse tu acquirente, non mi dire che non hai letto i ringraziamenti, o la presentazione, o gli autori, o l'organico del gruppo, o a chi voglio bene.

E poi, trovo che questo tipo di confezione mi somigli: caro acquirente mi leggi subito, se ti piaccio va bene, altrimenti cazzi tuoi. Se vuoi rileggermi, fai tu. Di sicuro è difficile che io cambi forma, e contenuto. Tutt'al più sei tu che sei un pò di coccio e la prima volta hai dato una guardata superficiale. Se provi a rileggere per bene e con calma, ci trovi tutto. E poi non dire che non te l'ho detto.

Spingi il cd al centro e pop salta fuori dalla pagina centrale. E sotto, come nel fondo della mia tazza della colazione di quand'ero bambina e finivo di bere il latte la mattina, ti aspetti sempre che ci sia un'immagine, la tua faccia, una sorpresa.